Guida in stato di ebbrezza e particolare tenuità del fatto


La causa di non punibilità della particolare tenuità del fatto può essere riconosciuta anche per il reato di guida in stato di ebbrezza. Il giudice, per decidere sul punto, deve valutare in primo luogo il tasso alcolemico riscontrato e la gravità delle conseguenze derivanti dalla conduzione del veicolo in condizioni di ubriachezza – fermo rimanendo la necessità che non ricorrano condizioni ostative alla concessione del beneficio ed in particolare, proprio con riferimento al reato di guida in stato di ebbrezza, l’abitualità della condotta (v. Cass. pen., sezione IV, sentenze 29 marzo 2021, n. 11655 e 11699).